fbpx

La direzione investigativa antimafia di Agrigento ha sequestrato beni per un valore di 700 mila euro intestati all’imprenditore di Ribera Biagio Smeraglia, 47 anni, e ad alcuni suoi familiari. Il provvedimento è stato emesso dal Tribunale di Agrigento (sezione Misure di prevenzione), su proposta del pool Criminalità Economica della Dda di Palermo, coordinato dal Pm Roberto Scarpinato. Gli inquirenti hanno accolto gli esiti delle indagini bancarie e patrimoniali svolte dalla Dia diretta dal generale dei carabinieri Antonio Girone. Tra i beni sequestrati: terreni, mezzi industriali, conti correnti e quote societarie. Biagio Smeraglia è stato coinvolto nell’operazione antimafia denominata “Scacco Matto” ed è attualmente sotto processo dinanzi ai giudici della sezione penale del Tribunale di Sciacca unitamente ad altri soggetti ritenuti come lui appartenenti alle cosche mafiose del versante occidentale della provincia agrigentina.