BANNER

Mafia, Gerlandino Messina condannato per il possesso delle due pistole

I giudici della prima sezione penale del tribunale di Agrigento hanno condannato a 9 anni e 6 mesi di reclusione il boss di Porto Empedocle, Gerlandino Messina, accusato di detenzione illegale di armi e munizioni e ricettazione con l’aggravante del favoreggiamento a Cosa Nostra. Le accuse a carico di Messina vennero formalizzate quando fu catturato, dopo circa 10 anni di latitanza, il 23 ottobre del 2010, nel covo di viale Stati Uniti, a Favara. Il capo mafia fu trovato in possesso di due pistole e un centinaio di munizioni. Il pubblico ministero della Dda, Rita Fulantelli aveva chiesto la condanna a 15 anni. Il suo difensore, l’avvocato Salvatore Pennica, aveva chiesto, invece, l’assoluzione spiegando che non c’era prova che le armi appartenessero a Messina perche’ la casa dove fu arrestato era frequentata anche da altre persone.

Condividi!
Archiviato in:Cronaca, Porto Empedocle

Ti potrebbe interessare:

Ritorno ad Agrigento di Luc Leblanc e Claudio Chiappucci Ritorno ad Agrigento di Luc Leblanc e Claudio Chiappucci
IL SINDACO DI LAMPEDUSA CHIEDE UN MARE NOSTRUM 2 IL SINDACO DI LAMPEDUSA CHIEDE UN MARE NOSTRUM 2
30 MILIONI DI EURO PER LE STRUTTURE RICETTIVE 30 MILIONI DI EURO PER LE STRUTTURE RICETTIVE
Licenziato da una ditta di Agrigento tenta il suicidio dandosi fuoco Licenziato da una ditta di Agrigento tenta il suicidio dandosi fuoco

Lascia un commento

Invia commento
Digimedia Srl P.iva 02112540840 - © 2014 Agrigento TV. Tutti i diritti riservati. XHTML / CSS Valido.