Agrigento Attualità Cronaca Provincia Ultime news

Maxi sequestro di beni della Guardia di Finanza nell’agrigentino News Agrigentotv

Maxi sequestro di beni della Guardia di Finanza nell’agrigentino News Agrigentotv
Rate this post

Immobili, terreni, aziende e conti correnti per un valore complessivo di oltre 750mila euro sono stati sequestrati dalla Guardia di Finanza a Giuseppe Mormina, figlio del boss Francesco, ritenuto il capo mafia di Cattolica Eraclea. L’operazione è stata condotta dal nucleo di polizia economico-finanziaria della Guardia di finanza di Agrigento, su ordinanza emessa dalla sezione Misure di prevenzione del tribunale di Agrigento. Nel dettaglio le fiamme gialle hanno posto i sigilli in sette immobili residenziali, un complesso aziendale, operante nel settore agricolo, e in terreni, ubicati nel Comune di Cattoli Eraclea, per una superficie complessiva di circa 373 mila metri quadrati, nonché conti correnti per un valore complessivo di circa 752 mila euro. Il provvedimento – dicono dal comando provinciale della Guardia di Finanza di Agrigento – mette in evidenza “la pericolosità” di Mormina, – che secondo gli inquirenti è “legato a personaggi criminali di calibro internazionale, dei quali il più noto è senza dubbio “Nick” Rizzuto, e, come sottolineato dai giudici, individuato come il successore nel ruolo di capo della storica famiglia di Cattolica Eraclea”. “Mormina – ricostruiscono le fiamme gialle – risulta infatti legato da stretti rapporti familiari con Domenico Terrasi ritenuto elemento di spicco della consorteria mafiosa di Cattolica Eraclea, unitamente al quale è stato altresì testimone di nozze di Gaetano Amodeo, quest’ultimo arrestato in Canada dopo una lunga latitanza per aver avuto un ruolo attivo in vari omicidi, tra i quali quello del maresciallo dei Carabinieri Giuliano Guazzelli”. Mormina, inoltre, – secondo la Finanza – avrebbe avuto rapporti con altri esponenti dei clan, come Antonino Messina, Emanuele Sedita, Simone Capizzi e Salvatore Di Ganci, ritenuti rispettivamente capi delle famiglie di Ribera e di Sciacca, nonché della stessa famiglia Bonanno.