fbpx

La Prefettura di Agrigento avvia un’ indagine epidemiologica  dopo che un migrante egiziano  positivo al coronavirus è giunto a Porto Empedocle, con il traghetto di linea proveniente da Lampedusa, nella serata di mercoledì.  “Tutte le persone che hanno avuto contatti col minorenne – dicono dalla prefettura- saranno poste in isolamento fiduciario e saranno destinatarie di un servizio medico di sorveglianza attiva. Eventuale tampone nel caso in cui dovesse esserne riscontrata la necessità”C’è il fondato timore che nelle prossime settimane, favoriti dal bel tempo, possano registrarsi sulle coste siciliane consistenti sbarchi autonomi di migranti. Per questo il governatore della Sicilia Nello Musumeci ha chiesto  al governo nazionale di intervenire con tempestività per evitare che la incontrollata gestione del triste fenomeno possa determinare tra la popolazione dell’Isola l’acuirsi di un clima di tensione già abbastanza alto. “Ho inviato una nota al capo del Governo , Giuseppe Conte- dice  Musumeci- evidenziando che gli hot spot di Lampedusa e Pozzallo e  la struttura di  Porto Empedocle appaiano chiaramente insufficienti ad assorbire la nuova ondata di arrivi, dando vita, peraltro, ad una promiscuità – sul piano sanitario – assai pericolosa per gli stessi ospiti e per gli operatori. Nel sollecitare comunque il totale e rigoroso isolamento degli hot spot dal resto del territorio ho chiesto al premier l’impiego di una idonea nave ormeggiata in rada in cui trattenere i migranti per la necessaria quarantena, prima di essere ricollocati nei Paesi membri dell’Ue, assicurando in ogni caso la piena collaborazione del sistema sanitario regionale.” Il sindaco di Porto Empedocle ha chisuo il porto. “Ora basta! Finché durerà l’emergenza sanitaria del Coronavirus – dice- il porto di Porto Empedocle non assicura i necessari requisiti per la classificazione e definizione di porto sicuro. E’ vietato pertanto lo sbarco e il transito di qualsivoglia migrante visto che c’è l’impossibilità di individuare la possibile insorgenza di patologie derivanti da genti virali trasmissibili con particolare riferimento al Covid”. L’ Ordinanza è stata trasmessa al ministro dell’Interno, alla Prefettura e alla Questura di Agrigento, al presidente della Regione Sicilia.