Cronaca migranti

“Migranti umiliati e schiaffeggiati per essere fuggiti durante la quarantena”, Procura apre inchiesta: c’è un indagato

“Sei l’ospite e devi rispettare la legge, adesso inginocchiatevi e schiaffeggiatevi a vicenda”. Due migranti sarebbero stati umiliati e puniti così dopo un tentativo di fuga fallito dal centro di accoglienza dove erano stati posti in quarantena.  Il pubblico ministero Cecilia Baravelli ha aperto un’inchiesta e iscritto nel registro degli indagati un poliziotto, in servizio di vigilanza nella struttura, con l’accusa di “abuso dei mezzi di correzione”. L’ispettore, secondo quanto sarebbe stato denunciato, dopo un tentativo di fuga, avvenuto nei primi giorni di giugno, dal centro di accoglienza di contrada Ciavolotta, dal quale si erano allontanati alcuni migranti posti in quarantena come misura anti-contagio, avrebbe umiliato due giovani migranti, nel frattempo bloccati, di cui uno minorenne, forse per dare una “lezione” agli altri.