fbpx

In Prefettura, ad Agrigento, presieduto dal prefetto Maria Rita Cocciufa, si è riunito il Comitato provinciale per la Sicurezza e l’Ordine pubblico per affrontare alcune criticità presenti nella struttura di accoglienza di Villa Sikania. L’incontro, chiesto dal sindaco di Siculiana Peppe Zambito, ha “ulteriormente sancito l’unità di intenti tra le Istituzioni e le Forze dell’ordine per affrontare con efficacia le problematiche relative alla gestione dei flussi migratori”.
“Sono molto soddisfatto dell’incontro, ho fatto presente – ha dichiarato il sindaco di Siculiana – alcune criticità relative alla struttura sollecitando anche delle soluzioni. Villa Sikania è adibita a centro per la quarantena Covid, mi sono fatto portavoce dei miei concittadini preoccupati per alcune situazioni a rischio riscontrate che meritano attenzione”.
Tra le altre questioni affrontate durante il Cosp: la necessità di implementare l’attività per rafforzare la sicurezza e il controllo del territorio, anche attraverso un sistema di video-sorveglianza diffuso; prevedere interventi per rallentare la velocità degli automezzi nel tratto che fiancheggia la struttura; assicurare una costante comunicazione in merito ad eventuali contagi Covid dentro la struttura e la realizzazione di aree attrezzate, presso Villa Sikania, per garantire momenti di aggregazione e svago ai giovani ospiti della struttura considerando la loro giovane età.
“Ringrazio Sua Eccellenza il Prefetto e le Forze dell’ordine – ha aggiunto il primo cittadino – che ancora una volta hanno dimostrato attenzione e disponibilità all’ascolto nei confronti della mia comunità. L’obiettivo che ci siamo posti è: garantire la sicurezza dei cittadini e migliorare la qualità dell’ospitalità della struttura. Abbiamo condiviso alcune soluzioni che mi auguro vengano attuate al più presto”.