Agrigento Cronaca migranti Polizia

Minacciano di morte e tengono in ostaggio operatrice di una comunità, arrestati due immigrati

Volevano essere trasferiti in un’altra comunità d’accoglienza. A nulla sono valsi i tentativi di spiegazione da parte dell’operatrice della struttura che, ad un certo punto, è stata minacciata di morte con un coltello da cucina ed è stata tenuta in ostaggio da due giovani de Gambia. Entrambi – che si erano detto minorenni – sono stati arrestati dalla polizia di Stato che è anche riuscita ad accertare la maggiore età.  E’ accaduto nella comunità per minori denominata “Il melograno”, al Villaggio Mosè. È stata la stessa donna a chiamare il 113.

I poliziotti delle “Volanti” hanno immediatamente individuato i due migranti e sono stati portati alla caserma “Anghelone”. Su disposizione dell’Autorità giudiziaria, entrambi i gambiani sono stati sottoposti a radiografie per accertare la maggiore età.

Accertata, dunque, la maggiore età i due sono stati arrestati. Dovranno rispondere delle ipotesi di reato di danneggiamento aggravato, violenza privata, minaccia aggravata e false dichiarazione alla polizia giudiziaria. Sono stati portati – su disposizione del sostituto procurator di turno – al carcere Petrusa.