Agrigento Attualità controlli Coronavirus

Non è ancora tempo di party e movida, i controlli proseguono nell’agrigentino

La parola d’ordine è evitare gli assembramenti. Per chi viola i divieti le sanzioni possono arrivare fino a 3mila euro. Il prefetto di Agrigento Cocciufa , nei giorni scorsi, ha chiesto il «massimo impegno» nel controllo del territorio per  «assicurare il rispetto del divieto di assembramenti e di aggregazioni di persone e l’osservanza del distanziamento sociale». E poi c’è il buon senso che dovrebbe prevalere, di giovani e non solo, per evitare di rendere inutile lo sforno enorme fatto in due mesi di chiusura totale. Il premier Conte lo ha ribadito: «Non è il tempo di party. Nessuno pensi che siano saltate le regole di precauzione». Ad Agrigento, in via Atenea e al viale della Vittoria sono dovute intervenire le forze dell’ordine chiamate da alcuni cittadini: Nessun rispetto delle distanze interpersonali, dunque assembramenti. E c’è stato il fuggi , fuggi. Questo fine settimana,  e anche per i prossimi, i controlli saranno mirati.