Omicidio Vinci, la parte civile chiede condanna per Lodato senza alcuna attenuante

Continua il processo a carico Daniele Lodato, il 34enne che, lo scorso giugno, uccise a coltellate Marco Vinci di fronte un pub a Canicattì.
Dopo la requisitoria del pubblico Ministero e la richiesta di condanna a 30 anni, è stata la volta della parte civile. Gli avvocati della famiglia della vittima, hanno chiesto la condanna del 34enne senza alcuna attenuante possibile.
Lodato, infatti, sembrerebbe avere avuto il tempo di far sbollire la rabbia montata in seguito alla discussione con Marco Vinci, visto che sarebbe salito in macchina per tornare a casa e prendere il coltello con cui uccise il giovane canicattinese.