fbpx

Operazione antidroga della Squadra mobile di Agrigento. In manette sono finite 1o persone di Porto Empedocle, una di Favara, ritenute responsabili del reato di associazione a delinquere finalizzata allo spaccio e al traffico di sostanze stupefacenti. C’è il sospetto che  le persone fermate agivano  in favore di Cosa Nostra. Tra gli arrestati Giuseppe Grassonelli, figlio di Gigi, ucciso nella prima strage di Porto Empedocle,  il cognato di Fabrizio Messina, Salvatore Prestia, nonché il genero di Salvatore Messina, fratello di Fabrizio, ergastolano, dell’omonima famiglia mafiosa. A casa di uno degli arrestati, Salvatore Cefalù è stata anche trovata droga che è stata sequestrata. In carcere pure Roberto Romeo, fratello di Maurizio, che è stato arrestato lo scorso novembre perchè considerato l’esattore del “pizzo” per conto di Gerlandino Messina, e poi Antonio Russello di Favara, già arrestato lo scorso 19 luglio perchè era suo l’appartamento del primo covo favarese di Gerlandino Messina. Tra le persone fermate Alfonso Lauricella. L’inchiesta è stata coordinata dalla Dda di Palermo, diretta dal procuratore capo Francesco Missineo e dall’aggiunto Vittorio Teresi.