fbpx

Genitori, figli, fidanzati. Interi nuclei familiari, pronti ad usare anche dei ragazzini per la vendita della droga. Baby pusher correvano in giro per le strade del quartiere in bici per consegnare le dosi di droga. Cocaina, crack, hashish e marijuana venivano venduti da ragazzini anche davanti alla scuola del quartiere, allo Sperone. È l’operazione Nemesi eseguita dai carabinieri. La droga veniva persino nascosta nelle camerette dei bambini.

58 i provvedimenti cautelari.37 le persone finite in carcere, 20 ai domiciliari e per un’altra è stato imposto l’obbligo di firma. Un’operazione che ha sferrato un duro colpo a quella che viene definita una delle più imponenti attività di spaccio del sud Italia: quella del quartiere Sperone di Palermo.

I reati contestati sono associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti e spaccio di sostanze stupefacenti.