Palermo è capitale italiana della cultura 2018

Palermo è la capitale italiana della cultura 2018, è stato il ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini ad annunciarlo. La scelta della giuria presieduta da Stefano Baia è caduta quindi sul capoluogo siciliano, serrata era la concorrenza tra le altre città finaliste, figuravano infatti Alghero, Trento, Recanati, Ercolano e l’altra siciliana, Erice. “La candidatura è sostenuta da un progetto credibile, di altissimo livello supportato da tutti i partner istituzionali” ha commentato il ministro Franceschini. Tre anni e mezzo dopo la bocciatura di Palermo della candidatura a capitale europea della cultura 2019, l’amministrazione comunale guidata da Leoluca Orlando ci ha riprovato: e stavolta ci è riuscita. Palermo, qualche settimana fa, è stata proclamata anche capitale italiana dei giovani per il 2017. Nel dossier presentato dal Comune, si è fatto leva su Manifesta1.2, una fra le principale biennali di arte contemporanea su scala mondiale che si svolgerà in città proprio nel 2018. Ma hanno anche utilizzato il riconoscimento Unesco percorso arabo-normanno di Palermo, Monreale e Cefalù patrimonio dell’umanità. E ancora il boom di turismo, con i visitatori che sono aumentati a vista d’occhio anche come conseguenza del terrorismo che ha reso insicure le mete del Nord Africa. La storia e la cultura millenaria di Palermo quindi saranno degni testimoni dell’immenso patrimonio culturale del “Bel Paese”. Il riconoscimento del MIBAC, avrà influenze positive nel centro palatino, soprattutto per quanto riguarda l’atteso incremento turistico. Circostanza quest’ultima a cui aspira anche un altro capoluogo siciliano, Agrigento. Nella città dei Templi infatti, recentemente l’amministrazione comunale, ha incaricato una società ad elaborare un report da presentare al ministero per la candidatura di Agrigento a capitale italiana della cultura 2020.

[wp-rss-aggregator]