Parco archeologico, gli scavi si aprono alla città.

Ad Agrigento, all’interno del parco archelogico, continuano gli scavi che hanno regalato una gran quantità di di reperti dall’altissimo valore e hanno confermato la presenza del “ricercato” teatro Greco di Akragas e anche di ruderi di un tempio romano. L’entusiasmo cresce di giorno in giorno per la quantità di reperti che si stanno recuperando che potranno dare uno slancio al comparto turistico dell’area. Siamo di fronte ad una svolta storica per quanto riguarda la storia di Akragas. Da lunedì prossimo, 26 marzo, sarà possibile seguire le attività di preselezione e catalogazione dei materiali recuperati durante lo scavo e le attività di restauro in corso sulle domus. Il cantiere sarà fruibile dal pubblico ogni lunedì, mercoledì e venerdì dalle 9 alle 12. Per gruppi superiori alle 20 persone è necessaria la prenotazione telefonando al numero 0922 62 16 44. I risultati della nuova campagna di scavi sono stati presentati pochi giorni fa a Casa Sanfilippo. “E’ stata una campagna importantissima – ha detto Luigi Caliò docente dell’università di Bari – l’ultima campagna di scavi ha dato dei risultati importanti.  Abbiamo coinvolto diverse persone”. La campagna di scavi che riguarda anche il teatro ellenistico, è suddivisa in diverse parti. E’ stata definita una grande area e riscontrato un percorso utile a delimitare il tempio della Concordia dal teatro ellenistico. La pianta complessiva ha dato l’idea di uno scavo ampio.