“Perde soldi in sala giochi e vuole restituiti 2 mila euro”: arrestato

I carabinieri della Compagnia di Licata hanno arrestato, con l’accusa di tentata estorsione, Gaspare Antona, disoccupato di 35 anni di Licata. L’uomo sarebbe andato in escandescenza al rifiuto del titolare di una sala giochi di risarcire l’importo giocato dallo stesso alle slot machine, circa duemila euro. Al rifiuto del gestore il 35enne lo avrebbe minacciato. Sul posto sono giunti carabinieri che hanno fermato l’uomo che è stato posto, dopo l’udienza di convalida dell’arresto già avvenuta, ai domiciliari.