fbpx

Quasi la metà degli incidenti stradali avviene nei rettilinei vere e proprie trappole per gli automobilisti agrigentini. E’ quanto emerge da una statistica compilata dal Comando della sezione agrigentina della Polizia stradale dal primo gennaio al 10 dicembre. La maggior parte degli incidenti stradali di una certa gravitàsi verifica proprio nei tratti di strada retti e senza curve. Dallo studio è emerso anche che la strada più pericolosa è la statale 115, dove si sono verificati 42 incidenti con feriti ed 8 mortali. Di questi, 23 si sono verificati in rettilineo. Sulla statale 640, invece, si sono registrati meno incidenti. Sulla statale 189 invece prevalgono gli incidenti in curva. Una rilevazione statistica Istat-Aci, invece, conferma che gli incidenti avvengono prevalentemente nei giorni lavorativi e nelle ore diurne mentre il rischio mortalità è più elevato di sabato e nelle ore notturne quando le strade sono più libere e si è tentati da una maggiore velocità. Sono maggio, giugno e luglio i mesi nei quali si verifica il maggior numero di incidenti forse anche in coincidenza di un utilizzo più intenso del mezzo dovuto alla condizioni climatiche favorevoli. Agosto, invece, è il mese in cui l’incidentalità scende al minimo perché la città si spopola per le vacanze estive.