fbpx

Due anni di reclusione sono stati inflitti dal Tribunale di Agrigento all’empedoclino Armando Lo Cascio per stalking e molestie. L’imputato era accusato di aver perpetrato alcuni atti persecutori ai danni di una donna empedoclina, L. B. che, stanca delle continue attenzioni morbose dell’uomo, decise un paio d’anni fa di denunciarlo. Le indagini sfociate in questo processo vennero condotte dai poliziotti del Commissariato Frontiera di Porto Empedocle. La vittima si è costituita in giudizio parte civile, difesa dall’Avvocato Giuseppe Arnone. Lo Cascio è stato anche condannato a 10 mila euro da pagarsi immediatamente e ad un ulteriore risarcimento che stabilirà il tribunale civile, nonché alle spese legali, che ammontano a 5 mila euro.
“A giorni, annuncia l’Avvocato Arnone, finiranno sul banco degli imputati anche la sorella e il padre di Armando Lo Cascio pure sulla base di denunce della sua assistita”.