fbpx

Si è svolta presso l’auditorium dell’Ipc “Gallo” la prima edizione del premio letterario intitolato ai due giudici canicattinesi, Rosario Livatino e Antonino Saetta, uccisi dalla mafia. La manifestazione organizzata dalla Provincia regionale di Agrigento con il patrocinio e del Ministero della Giustizia ha avuto l’obiettivo di inculcare presso le giovani generazioni i valori della legalità attraverso la conoscenza della figura dei due valorosi uomini barbaramente trucidati dalla mafia. Quindici gli istituti partecipanti provenienti da tutta la provincia. I vincitori del premio letterario, scelti da una giuria di esperti presieduta dal provveditore emerito di Agrigento, Nicolò Lombardo, sono stati cinque istituti scolastici. Gli studenti hanno presentato elaborati multimediali ispirati a temi come l’omertà, il pentimento ed il riscatto sociale di questa terra dall’influenza mafiosa. Il primo premio è andato agli alunni del liceo scientifico “Politi” a cui, oltre che la targa ricordo della Provincia regionale di Agrigento è andato un premio in denaro consistente in un libretto di risparmio consegnato dal presidente della banca di Credito cooperativo San Francesco di Canicatti, che ha sponsorizzato la manifestazione. Gli studenti hanno seguito con grande attenzione gli interventi dei relatori, l’assessore provinciale all’istruzione Gaetano Cani, il presidente del Tribunale di Agrigento, Luigi D’Angelo e il presidente della Provincia regionale Eugenio D’Orsi.