fbpx

E’ entrato in dirittura d’arrivo il processo “Concorsopoli” riguardante presunte irregolarità in tre concorsi pubblici banditi dall’Asl. Sul banco degli imputati il sindaco di Ravanusa, Armando Savarino, all’epoca direttore sanitario dell’Asl, la figlia Giusy Savarino, ex parlamentare regionale, Calogero Gattuso, segretario politico del deputato all’Ars Salvatore Puccio, libero professionista, Michele Pellegrino, dirigente amministrativo dell’Ausl, il medico Oreste Falco, i dipendenti dell’Asl, Francesca Camilleri, Mariarita Safonte, Francesco Caracappa e Alessandro Felice, oltre alla casalinga Maria Calogera Smecca. Secondo l’accusa le selezioni pubbliche sarebbero state aggiustate da un fitto sistema di raccomandazioni che alterava il regolare svolgimento delle prove d’esame. Ieri si è conclusa l’istruttoria dibattimentale, ma prima sono stati escussi gli ultimi testi: l’ex manager dell’Asl numero 1 di Agrigento, Salvatore Milioto, e l’europarlamentare Salvatore Iacolino, all’epoca dei fatti funzionario
dell’Asl. La prossima udienza è stata fissata per il 27 settembre.