fbpx

Ha preso il via ieri, dinanzi al Gup del Tribunale di Agrigento, l’udienza preliminare scaturita dall’inchiesta “Tetris” che riguarda presunte irregolarità nell’affidamento di appalti inerenti al settore della Solidarietà sociale del Comune di Agrigento. Il Gup dovrà decidere sulla richiesta di rinvio a giudizio avanzata dalla Procura della Repubblica nei confronti di 11 imputati: Giovanni Calogero Lattuca, 49 anni, Anna Maria Principato, 59 anni, Arturo Attanasio, 59 anni, e Antonietta Sciarrotta, 54 anni, tutti dipendenti del Comune di Agrigento, Maria Rita Borsellino, 41 anni, legale rappresentante della sosietà “Tetris”, Calogero Sicurella, 49 anni, Maria Ginex, 48 anni, Letizia Montalbano, 37 anni, Antonella Di Vincenzo, 50 anni, Ivana Anna Rizzo, 38 anni, Alessandro Fanara, 41 anni. I reati contestati a vario titolo sono quelli di turbativa d’asta, abuso in atti d’ufficio e falso. L’udienza di ieri è stata interamente dedicata alla costituzione delle parti. Il Comune di Agrigento e il consigliere Giuseppe De Francisci, rappresentati rispettivamente dagli avvocati Daniela Posante e Francesco Panepinto, hanno chiesto di potersi costituire parte civile. A questa richiesta si sono opposti i lagali della difesa. Il giudice si è riservato di decidere alla prossima uduienza che è stata fissata per il 2 maggio.