fbpx

Il 18 maggio scorso l’annuncio del presidente della provincia Eugenio D’Orsi dell’azzeramento della sua giunta.

E a un mese da quella dichiarazione comincia a concretizzarsi il rimpasto.

Servirà però ancora del tempo per mettere ordine e per consentire a tutte le componenti politiche presenti in giunta di esprimere i loro nomi.

Sta di fatto, come già annunciato da D’Orsi, che gli attuali equilibri verranno mantenuti: nessuna rivoluzione pertanto.

Secondo indiscrezioni riconfermati gli uscenti delle componenti del Pdl Sicilia (Stefano Castellino e Sergio Indelicato), che si rifanno alle posizioni del vicepresidente della regione Michele Cimino: stesso discorso per Luca Salvato del Pdl area ex An.

Dubbi invece sui nomi della componente del ministro Alfano: un dibattito interno al partito chiarirà il contesto. Al momento a rappresentare i lealisti ci sono gli assessori Pietro Macedonio, Settimio Cantone e Giovanni Barbera.

L’Udc, invece, confermerebbe solo Luigi Argento mentre per gli altri due posti, prima occupati da Carmelo Pace (oggi sindaco di Ribera) e Gaetano Cani si fanno anche i noi di Giusy Savarino e del cammaratese Tuzzolino.

L’Mpa, infine confermerebbe quasi certamente Mariano Ragusa: rimangono dubbi su gli altri 2 posti attualmente occupati da Giuseppe Arnone e Giuseppe Ciulla.

Attesa pertanto per le nuove designazioni ma i tempi potrebbero però non essere poi così celeri.