Agrigento Cronaca

Raccontano d’essere rientrati dalla zona “rossa” davanti a un locale della movida, Procura avvia indagini

Ci sono dei video – con agrigentini protagonisti – che circolano, da ieri sera, sui social network. Sono video di giovani che raccontano d’essere rientrati dalle cosiddette “zone rosse”. Immagini, che hanno sollevato agguerrite polemiche, di cui è già in possesso la Procura della Repubblica di Agrigento.

“In relazione ad alcuni video che circolano sui social network, la Procura della Repubblica di Agrigento ricorda che violare le cosiddette zone rosse integra il reato di cui all’articolo 650 del codice penale che – ha ricordato, a chiare lettere, il procuratore capo Luigi Patronaggio – prevede la pena dell’arresto fino a tre mesi. Si ricorda poi, anche al fine di evitare di incorrere nel più grave reato di cui all’articolo 438 del codice penale che le persone che provengono dalle suddette zone devono mettersi a disposizione della competente autorità sanitaria al fine di impedire il propagarsi dell’epidemia”.