fbpx

Niente confisca dei beni per Giuseppe Orlando, 44 anni, commerciante di Ribera. La decisione è stata presa dai giudici del Tribunale di Agrigento – sezione Misure di prevenzione – che hanno rigettato la proposta di applicazione della misura patrimoniale avanzata dalla Dda ed hanno revocato il decreto di sequestro degli stessi beni emesso nel giugno 2011. Orlando è stato imputato per associazione mafioso al processo “Scacco Matto” che decimò i capi delle famiglie mafiose di Ribera, Sciacca, Lucca Sicula, Burgio, Montevago, Menfi, Santa Margherita Belice, Sambuca di Sicilia. Il riberese fu assolto suia in primo che in secondo grado. Nonostante ciò, tuttavia, i suoi beni finirono sotto sequestro.