fbpx

Filippo Sciacchitano Giuseppe Di Leo I giudci della prima sezione della Corte di Cassazione hanno rigettati il ricorso avverso la sentenza di condanna emessa dalla Corte di Appello per l’omicidio di Giuseppe Di Leo. Diventa definitiva, dunque, la pena inflitta a Filippo Sciacchitano – accusato di omicidio volontario – di 14 anni e 8 mesi di reclusione. La stessa pena era stata inflitta in primo grado. Si chiude, dunque, la vicenda giudiziaria cominciata con l’omicidio dello Sciacchitano, avvenuto a Ribera la mattina del 30 aprile 2008, in via Fazello, in pieno centro urbano. I difensori di Sciacchitano, gli avvocati Giovanni Rizzuti e Antonino Tornambè, puntavano su una riduzione della pena per le attenuanti.La parte civile, è stata rappresentata dagli avvocati Giovanni Vaccaro e Alessio D’Anna.