fbpx

Domani mattina si saprà quali sindaci hanno mantenuto gli impegni presi con l’Ato Gesa Ag2 nel quadro dei piani di rientro dei debiti accumulati negli anni. Gli operatori ecologici sono fermi allo stipendio di settembre pagato al momento solo al 70 per cento a causa del pignoramento di oltre 600 mila euro voluto dalla ditta Catanzaro costruzioni che gestisce la discarica di Siculiana al momento chiusa ai mezzi di Gesa, che scaricano in quella di Gela fino al 31 dicembre. E sul pignoramento delle somme di Gesa, il giudice si esprimerà il 28 dicembre prossimo. In caso di sblocco, permetterà il pagamento immediato ai lavoratori che rischiano di non ricevere neppure la tredicesima se i sindaci non faranno la loro parte. Per loro non sarà un bel Natale. A tutto questo si aggiunge le difficoltà delle ditte che gestiscono il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani, che non ricevono soldi da mesi.