fbpx

E’ stato rinviato al 22 febbraio prossimo il processo, che sarebbe dovuto cominciare ieri dinanzi ai giudici della Corte d’Assise di Agrigento (presidente Luisa Turco), contro Ibrahim Harum, 42 anni, cittadino del Niger, presunto terrorista di Al Qaeda, chiamato a rispondere dei reati di terrorismo e strage. L’uomo venne arrestato nel giugno del 2011 dalla polizia a Lampedusa. Si era mischiato tra i migranti giunti dalle coste libiche. Fu scoperto casualmente, dopo un diverbio con le forze di polizia presenti sull’isola. Fu lui stesso a sostenere di appartenere ad Al Qaeida, forse per intimorire i compagni d’avventura o le forze di polizia. L’udienza di iri è stata rinviata perché di Ibrahim Harum, dopo la consegna all’Fbi, si trova in una località segreta degli Stati Uniti e con ogni probabilità dovrà prima essere processato lì.