fbpx

Un palacongressi gremito quello di sabato per assistere agli spettacoli dei gruppi partecipanti al 10° festival dei bambini del mondo. Un pubblico che ha manifestato, a suon di applausi, di apprezzare davvero le esibizioni dei giovanissimi, provenienti da diversi paesi, che hanno ballato il loro folklore, insieme ai gruppi rappresentativi della nostra tradizione. Una serata, presentata da Annalisa e Giuseppe Moscato, che ha visto il suo più grande successo nella scelta di devolvere l'intero incasso ai bambini meno fortunati nel mondo. Un aiuto che si concretizza con un assegno di più di 2 mila euro, che andrà all'associazione di volontariato Nadia onlus , per lo svolgimento delle pratiche di adozione internazionale. I Bambini del Festival aiuteranno il progetto “Etiopia – Un futuro per i bambini di strada”. A questa somma si aggiungerà anche il ricavato della raccolta fatta nelle scuole di Agrigento. Il senso del Festival dei Bambini del mondo è proprio questo, infatti, quello di attuare un progetto mirato non solo alla diffusione del folclore e delle culture dei paesi partecipanti, ma rivolto anche alla solidarietà, all’importanza di un gesto d’amore, un aiuto in favore di chi soffre”. E se ieri i bambini hanno dovuto rinunciare alla tradizionale sfilata per via della pioggia battente alternata a qualche sprazzo di sole, hanno però regalato un momento di pieno significato riunendosi nei locali della parrocchia della Beata Maria Vergine della Provvidenza, per la “Preghiera dei popoli per la pace”. E Don Calogero Proietto definisce l'incontro come un momento di grande suggestione, che riempie di valore l'intera Kermesse. Ad ogni gruppo ospite è stato donato un cd che racchiude il folklore siciliano, per portare ciascuno nei propri paesi un ricordo della musica e delle tradizioni della Città dei Templi.