Sbarco di migranti a Siculiana: la testimonianza di un bagnante. La Procura indaga

Aperto il canale, si teme adesso una nuova ondata di sbarchi sulle coste agrigentine, ieri un barcone è giunto all’ora di pranzo con il suo carico di essere umani sulla spiaggia “pietre cadute” in territorio di Siculiana. Una settantina di giovani nord africani, che dalle testimonianze raccolte tra i bagnanti presenti, sarebbero stati osservati a vista da un’imbarcazione delle autorità marittime, nonostante la “scorta” però i migranti, sempre secondo alcuni testimoni, sono scesi liberamente in spiaggia per poi dileguarsi. Le forze dell’ordine, sarebbero giunte sull’arenile dopo circa 90 minuti dallo sbarco che è anche stato documentato con gli smartphone dalle persone presenti in spiaggia. Estese poi le ricerche, una ventina di migranti, alcuni dei quali intercettati lungo la Strada Statale 115, sono poi stati accompagnati presso la stazione Carabinieri di Siculiana, mentre le fiamme gialle hanno sequestrato alcuni zaini abbandonati in spiaggia. Su questo sbarco, la Procura della Repubblica di Agrigento ha aperto un’inchiesta, sui presunti ritardi delle operazioni di terra denunciati anche dal turista il procuratore capo di Agrigento, Luigi Patronaggio dice che serve un maggiore coordinamento tra le forze dell’ordine. Intanto, sulle modalità di controllo effettuate dalla Capitaneria di Porto, dal comando empedoclino di via Gioeni dicono di aver applicato le regole di ingaggio, l’equipaggio della motovedetta che ha affiancato il barcone avrebbe intimato l’alt, l’imbarcazione dei migranti però ha continuato dritto verso la riva, il poco pescaggio, sempre secondo la versione della Capitaneria, non avrebbe consentito all’unità navale di seguire il barcone. Intanto in mattinata un altro sbarco si è verificato in territorio di Sciacca, nei pressi di torre Macauda.

Nel Tg di oggi anche l’intervista telefonica al comandante della C.P. Di Porto Empedcole Filippo Maria Parisi