fbpx

Sfiorata tragedia nel mare di Sciacca, a causa di una collisione tra un’imbarcazione a vela e un’altra a motore, avvenuta nel primo pomeriggio di ieri al largo della costa saccense, di fronte la località balneare dello Stazzone. Il proprietario di una piccola imbarcazione, di Sciacca, era intento alla pesca nelle calme acque saccensi. All’improvviso, per cause che sono ancora in corso di accertamento, nota che un’imbarcazione a vela, battente bandiera francese, naviga in rotta di collisione. Il diportista a motore, pescatore dilettante, urla, per attivare l’attenzione del timoniere della barca francese, sulla quale naviga una coppia francese. L’imbarcazione a vela con una manovra poco comprensibile per ben due volte va in collisione. La barca a motore ha la peggio, subisce danni. La prua dell’imbarcazione a vela punta verso Mazara del Vallo e si allontana, non prestando i soccorsi. Atto gravissimo, ancor più grave in mare dove il codice deontologico marinaresco impone sempre di aiutare chi è in difficoltà. La tenacia del diportista speronato subentra alla paura. La piccola imbarcazione imbarca acqua, ma riesce ugualmente ad approdare a Sciacca. Subito la denuncia al Circomare. I militari comandati dal tenente di vascello, Daniele Governale, allertano i colleghi del Circomare. Escono le motovedette e riescono ad intercettare l’imbarcazione dei francesi. Per loro, il sostituto procuratore della Repubblica di Sciacca ha ipotizzato il reato di omissione di soccorso.