fbpx

E’ diventata definitiva la sentenza con la quale nel maggio dello scorso anno i giudici della Corte d’Appello di Palermo condannarono a 6 anni di reclusione Domenico Friscia, di 48 anni, di Sciacca. L’imputato era chiamato a rispondere del reato di associazione del delinquere di stanpo mafioso.  Di Friscia ha ampiamente parlato il collaboratore di giutsizia Calogero Rizzuto, di sambuca di Sicilia, ex esponente di primo piano di Cosa Nostra. Ieri il pronunciamento dei giudici della seconda sezione penale della Corte di Cassazione che hanno rigettato il ricorso presentato dalla difesa.