Sequestrata discarica nel Parco della Addolorata

Non c’è pace per il Parco dell’Addolorata, l’eterna incompiuta sorta sulle ceneri dell’antico quartiere del macello, spazzato via dalla frana del 19 luglio 1966 . Prima l’abbandono pluriventennale, intervellato da almeno cinque inaugurazioni, adesso, quello che dovrebbe essere il polmone verde della città di Agrigento, si è trasformato addirittura in una discarica temporanea. A segnalare la presenza della discarica alle autorità competenti è stato il vice Presidente del consiglio comunale Giuseppe Di Rosa, sollecitato dall’associazione Agrigento Punto e a capo e da altri cittadini che hanno notato un continuo via vai di camion che penetravano all’interno del parco per scaricare inerti tra alberi e siepi. La beffa nella beffa, nella città di Pirandello: pare che la stessa discarica sia stata autorizzata, in via temporanea, dal comune di Agrigento. La zona è stata adesso posta sotto sequestro giudiziario dagli agenti della Polizia Provinciale allertati da Giuseppe Di Rosa e prontamente intervenuti. Tra i materiali depositati sfabbricidi vari, eternit e conci di tufo. Con ogni probabilità si tratta dei residui di qualche demolizione operata nel centro storico di Agrigento.  Sulla vicenda, che ha indignato l’opione pubblica locale e infiammato discussioni sul social network Facebook, potrebbero esserci clamorosi sviluppi nelle prossime ore. 10698509_10201871957639030_6291220359900335575_n 10675517_10202711838058463_4820663554952685636_n
discarica-ICORI4