Sequestrato il poligono: trovate oltre 1100 cartucce illegalmente detenute

Blitz all’interno del poligono di tiro in contrada Pietrarossa, sulla 640. Apposti i sigilli all’intera struttura. Durante l’ispezione “a sorpresa” effettuata dai militari dell’Arma, è subito emerso che il poligono, gestito da un’Associazione sportiva, non era in possesso delle necessarie autorizzazioni di Pubblica Sicurezza, della certificazione in materia antincendio e del piano di sicurezza del poligono. Inoltre, nel corso delle verifiche svolte all’interno della struttura, i Carabinieri hanno trovato oltre 1.100 cartucce per pistola e fucile, di vari calibri, risultate illegalmente detenute. In particolare, si tratta di munizioni realizzate e confezionate artigianalmente. Dunque, i militari dell’Arma si sono trovati di fronte ad una sorta di deposito abusivo di cartucce “fai da te”. Non avendo rispettato quanto previsto dal Codice Penale e dal Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, il gestore del poligono, un 59 enne agrigentino, è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria.