fbpx

I giudici della sezione penale del Tribunale di Agrigento (presidente Sabatino) hanno condannato a 11 anni di reclusione il pluripregiudicato Vincenzo Cacciatore, 48 anni, di Agrigento, parcheggiatore. L’uomo era accusato di induzione alla prostituzione con minacce, violenza sessuale aggravata, danneggiamento seguito da incendio, sequestro di persona, estorsione, rapina, ingiurie, lesioni personali, violenza privata e frode processuale. Le indagini partite dal danneggiamento seguito da un incendio di un’autovettura, Fiat 600 di proprietà di una cittadina di nazionalità tunisina, S.J. 38 anni residente nella città dei templi, portarono all’individuazione del Cacciatore – che per questi fatti venne arrestato nell’ottobre dello scorso anno – quale responsabile. Durante la prosecuzione delle indagini emerse che la donna era stata vittima in periodo antedecente dei reati sopra descritti. In particolare nel mese di luglio 2009, Vincenzo Cacciatore avrebbe tentato di estorcerle parte della sua pensione mensile. Successivamente il 10 agosto scorso Cacciatore avrebbe portato nella sua abitazione la trentottenne, la quale sarebbe stata picchiata selvaggiamente anche con l’utilizzo di u