Sequestro isola ecologica Fontanelle, Firetto: ” se qualcuno ha sbagliato che paghi”

Sul sequestro dell’ex isola ecologia avvenuto ieri a Fontanelle interviene il sindaco di Agrigento, Lillo Firetto: “I cittadini che hanno notato storture o patito disagi  hanno il diritto di conoscere lo stato delle cose, esattamente come il sindaco e tutta l’amministrazione che rappresento. Se qualcuno ha sbagliato- continua il primo cittadino- che paghi. Su questi temi non sono ammesse deroghe. L’intervento dei Carabinieri nell’area di prossimità di Fontanelle accerterà eventuali responsabilità di danno ambientale. Tali aree di conferimento temporaneo sono necessarie e presenti in ogni Comune, in ogni città italiana ed europea che attua la raccolta differenziata dei rifiuti. Ovviamente la ditta che ha in carico il servizio deve osservare alcune regole, in particolare per quel che riguarda la raccolta dell’umido. Se le aree sono esercite a norma non devono creare disagi e problemi ai cittadini. Se tali regole invece non sono osservate, qualcuno deve rispondere in primo luogo  all’amministrazione e alla città. Più volte abbiamo raccolto le segnalazioni e le proteste dei cittadini di Fontanelle e della scuola del quartiere. Ogni volta le abbiamo assegnate agli uffici competenti e alla ditta sollecitando la risoluzione delle criticità rappresentate”.