fbpx

Il sindaco di Licata Angelo Graci sarebbe stato sfrattato dal parente proprietario della casa di San Leone dove ha vissuto con la moglie dopo l’applicazione della misura del divieto di dimora in città. Proprio quando la frazione balneare agrigentina si anima e si riempie di gente, il sindaco di Licata ha dovuto prendere i bagagli per lasciare libera la casa al cugino che la reclamava, giustamente, per abitarla nel periodo vacanziero. Ad Angelo Graci e alla moglie non è rimasto altro da fare che cercarsi un’altra casa, questa volta in affitto, la scelta è ricaduta su un’altra frazione di Agrigento, Villaggio Mosè, meno festaiola di San Leone ma altrettanto animata, anche d’estate, almeno di giorno. La faccenda costerà al sindaco un esborso economico visto che fino ad oggi aveva goduto dell’ospitalità del cugino.