Soffocato e ucciso durante rapina in casa, “tradita” dall’auto portata via: fermata badante romena 26enne. L‘inchiesta sull’omicidio di Michelangelo  Marchese, l’ottantanovenne di Palma di Montechiaro ucciso l’11 luglio scorso nel corso di una rapina nella sua abitazione, è arrivata ad una svolta. I carabinieri della compagnia di Licata e quelli del nucleo Investigativo del reparto Operativo di Agrigento hanno eseguito un fermo di indiziato di delitto firmato dal procuratore capo Luigi Patronaggio e dal sostituto Chiara Bisso. Ad essere fermata è stata la badante rumena ventiseienne. E le ipotesi di reato contestate sono: omicidio volontario aggravato e rapina.

L’anziano venne trovato con le mani e i piedi legati, all’interno della sua abitazione di via Pietro Attardo a Palma di Montechiaro. La residenza era completamente a soqquadro. Privo di vita, l’anziano proprietario della casa: il pensionato di 89 anni. Fin dai primissimi momenti, successivi al rinvenimento del cadavere, i carabinieri hanno pensato ad una rapina – realizzata qualche giorno prima – finita male. “L’autopsia ha stabilito che l’anziano è stato soffocato – hanno ufficializzato, adesso, i carabinieri – . L’autore, dopo aver messo tutto a soqquadro, era scappato portando via l’auto dell’anziano, ma lasciandosi dietro di sé delle tracce”

A chiamare i carabinieri, visto che non riusciva a rintracciare il proprio genitore, era statoil figlio del pensionato 89enne. Del fascicolo d’inchiesta si è occupato il pm Chiara Bisso e il procuratore capo Luigi Patronaggio. “Già le prime testimonianze raccontavano di una donna di corporatura esile e dai capelli mori che negli ultimi giorni frequentava la casa dell’anziano – hanno ufficializzato i carabinieri – . Questo indizio, unito alle impronte digitali rinvenute su parte del mobilio ed esaminate dal Ris di Messina, ha permesso agli investigatori di avere elementi probatori importanti”

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.