Sorpresi con pistola con matricola abrasa, due arresti

Blitz dei Carabinieri ieri pomeriggio nelle campagne di Villaggio Mosé. In pochi minuti, una ventina di militari hanno prima accerchiato e poi fatto irruzione nella villa di Antonio Massimino, 51enne agrigentino già noto alle Forze dell’Ordine. Dopo accurate ricerche, dalla minuziosa perquisizione domiciliare, è saltata fuori un’arma da fuoco, una pericolosa semiautomatica calibro 7,65, con la matricola totalmente abrasa, caricatore completo di sei cartucce inserito e pronta all’uso. Vicino al “ferro”, i militari hanno anche trovato circa 200 cartucce di vario calibro, e infine due penne pistola calibro 6,35. Infine, ben nascosto, è stato anche sequestrato un rilevatore di frequenze. Alla presenza DI Massimino e del nipote Gerlando, i Carabinieri hanno setacciato ogni angolo, fino a quando si sono insospettiti per un cumulo di foglie secche stranamente riposto su un sacco nero abbandonato nei pressi dell’abitazione. I militari hanno rimosso i rami e hanno aperto l’involucro. Da dentro, ben occultati in buste di nylon e contenitori di plastica, sono saltate fuori le armi e le munizioni, comprese le due “penne-pistola”. Le manette sono così scattate ai polsi degli agrigentini Antonio e Gerlando Massimino, che adesso dovranno rispondere ai Magistrati del Tribunale di Agrigento di detenzione illegale di armi da fuoco clandestine e ricettazioni.