fbpx

I giudici della prima sezione penale del tribunale di Agrigento presieduta da Giuseppe Melisenda Giambertoni hanno condannato (dieci mesi di reclusione) Vito Giuliana, 26 anni, di Campobello di Licata, perché riconosciuto colpevole di lesioni personali gravi, per avere ferito in maniera seria un preteso rivale in amore, staccandogli con un morso il lobo di un orecchio. Lo stesso Tribunale ha tuttavia assolto .invece, l’altro imputato, il trentunenne Salvatore Cammarata, anche lui di Campobello, che rispondeva dello stesso reato di Giuliana. La vicenda avvenne nel marzo del 2008 a Campobello di Licata  dove, secondo l’accusa, i due avrebbero aggredito la vittima provocando le gravi ferite. Il pubblico ministero Salvatore Vella aveva chiesto la condanna a 2 anni e 6 mesi per Giuliana e 2 anni per Cammarata. Alla vittima, assistita dall’avvocato Giuseppe Arnone, è stata riconosciuta una risarcimento pari a diecimila euro.