Morte Gabriele Chiaramonti, e’ lutto cittadino  

Il sindaco di Agrigento, Lillo Firetto ha decretato per oggi, martedì 22 settembre, il lutto cittadino in concomitanza con le esequie, ore 16 nella Chiesa San Gregorio a Cannatello, del giovane Gabriele Chiaramonti deceduto dopo lunga agonia a seguito ad un incidente stradale. Il Comune di Agrigento scrive : “Gabriele Chiaramonti era particolarmente conosciuto in città e la sua scomparsa ha destato profonda commozione fra tutta la cittadinanza”.  Ed il Consiglio comunale di Agrigento, tramite la presidente, Daniela Catalano, esprime cordoglio alla famiglia Chiaramonti per la scomparsa del giovanissimo Gabriele, “agrigentino che – scrive il Consiglio comunale – ha amato Agrigento e che dalla città è stato amato ed apprezzato per le doti umane e professionali palesate dall’innata capacità di intessere relazioni interpersonali e per le innovative e coinvolgenti iniziative imprenditoriali con successo intraprese”.

Sciacca, lutto cittadino nel giorno delle esequie del giovane Pierpaolo Ruffo

Nell’interpretare il sentimento dei saccensi, il sindaco Fabrizio Di Paola ha proclamato per oggi il lutto cittadino per sottolineare il grande momento di intensa solidarietà, unità e vicinanza espresso dalla città in occasione della tragedia in cui ha trovato la morte il giovane Pierpaolo Ruffo. Un evento che ha destato grande commozione nella comunità saccense. Prima e dopo le operazioni di soccorso, la città si è stretta attorno alla famiglia Ruffo. Ognuno – Forze dell’Ordine, Protezione Civile, pescatori, cittadini comuni – si è adoperato fino a tarda notte con ogni mezzo, profondendo il massimo dell’impegno nel tentativo di salvare la vita a Pierpaolo. Oggi, nel giorno delle esequie, nel proclamare il lutto cittadino, l’Amministrazione comunale invita gli uffici pubblici a esporre la bandiera a mezz’asta. Nell’ora di inizio del funerale, fissato per le ore 17 in Chiesa Madre, l’Amministrazione comunale, invita altresì le attività commerciali a sospendere ogni attività abbassando le saracinesche e a osservare un minuto di raccoglimento in tutti i luoghi di lavoro.