“Chi l’ha visto?” si occupa di Roberto Stagnitto: l’agrigentino non si trova

Continuano gli appelli per ritrovare Roberto Stagnitto. Il 33enne agrigentino che manca da casa da diversi giorni. Roberto, era stato ritrovato. Ad allertare la polizia era stato un agrigentino residente e Roma. Poi, Roberto, è riuscito ad allontanarsi ancora una volta, facendo perdere le sue tracce.

La famiglia ha fatto un accorato appello sui social, per poi rivolgersi a “Chi l’ha visto?” L’agrigentino indossa una t-shirt maniche corte di colore bianco, ed un pantalone da tuta blu e scarpe di ginnastica bianche, ed è scomparso a Roma, zona Policlinico.

Fortitudo Eurobasket Roma Le interviste del dopo gara News Agrigentotv

Il 2018 si apre con una brutta sconfitta, la Fortitudo Agrigento perde in casa contro l’Eurobasket. I biancazzurri si arrendono con il punteggio di 40 a 78. La partita si è aperta con il caloroso saluto a Paolo Rotondo, il giocatore della Fortitudo torna al PalaMoncada. Nella girandola degli ex, torna al palazzo anche Ale Piazza. Al giocatore  Cristian Mayer ha consegnato una targa a nome della Fortitudo Agrigento. In partita, la Fortitudo è priva per la seconda partita di fila di Marco Evangelisti. Coach Ciani cambia ancora e si affida a Lorenzo Ambrosin. In cabina di regia Ruben Zugno, nel quintetto anche Cannon, Williams e Guariglia. Partono forte gli ospiti, Guariglia spende due falli al pronti via e Ciani cambia. Gli ospiti si affidano ad Ale Piazza che suggerisce per Sims. Il primo quarto si chiude con il punteggio di 16 a 17.

Nel secondo periodo la Moncada sbaglia tanto. Ambrosin insacca una tripla, ma Agrigento non trova la giusta quadratura. Piazza e Sims combinano bene e la Fortitudo chiude il secondo periodo di gioco con il parziale di 4 a 19. I biancazzurri vanno al riposo lungo con il punteggio di 20 a 36. La musica non cambia, l’Eurobasket ha in mano la partita, Pierich trascina i suoi ed i biancazzurri chiudono il terzo quarto sul 33 a 56. Gli ospiti nel finale consolidano il risultato, Agrigento prova a reagire ma non basta, vince l’Eurobasket imponendosi con il punteggio di 40-78.

Un seminario per conoscere meglio il ruolo dell’informatore scientifico del farmaco News Agrigentotv

Un seminario per conoscere meglio il ruolo dell’informatore scientifico del farmaco.
Se ne parlerà sabato a Porto Empedocle su iniziativa dell’Associazione Informatori Scientifici di Agrigento. Intervista di Angelo Gelo al presidente Sandro Ficarra.

 

Bivona Centralinista disabile della vista vince battaglia con ex sindaco e sarà assunto News Agrigentotv

Dopo sette lunghi anni di vertenze e controversie , il cittadino di Bivona, Carmelo Di Lio, disabile della vista, ha ottenuto il diritto al lavoro presso il centralino del proprio Comune.

SERVIZIO SORVEGLIANZA SPIAGGE. BANDO AL VIA

Il Comune di Agrigento sta provvedendo al Bando per far partire, almeno per il mese di agosto, il “servizio bagnini” per la sorveglianza delle spiagge. Il costo del servizio finora veniva ripartito tra la Regione Siciliana (50 per cento) l’ex Provincia Regionale (25 per cento) e il Comune (25 per cento). Poiché quest’anno la Provincia non ha dato la disponibilità e lo stesso ha fatto sapere la Regione, venendo a mancare il 75 per cento delle somme, il Comune di Agrigento, per far fronte alla situazione, nonostante le ristrettezze economiche, ha deciso di indire ugualmente il Bando, con il suo 25 per cento delle somme, ma esclusivamente per il mese di agosto, considerato quello di maggiore afflusso di bagnanti sul litorale. Ne dà notizia l’assessore comunale al ramo,  Franco Miccichè.

Il Bando di gara per il servizio di “Vigilanza e sorveglianza balneare” per il mese di Agosto predisposto dal Comune di Agrigento prevede una serie di migliorie tra queste la dotazione di uno o due defibrillatori a disposizione per gli operatori delle torrette e per ogni torretta almeno la presenza di un’assistente bagnanti in possesso di un attestato BLS-D. Inoltre, spiega l’assessore comunale al ramo, Franco Miccichè,  il Bando prevede la dotazione di una moto d’acqua con barella omologata, per il trasporto del pericolante con conduttore della stessa in possesso di patente nautica e brevetto di conduttore/soccorritore (da presentare in fase di Gara) e almeno una sedia Job da mettere nella spiaggia più frequentata a disposizione dei familiari delle persone diversamente abili per favorir l’accesso in acqua.

[kkstarratings][wp-rss-aggregator]

Parcheggi nella valle, Spataro: Firetto ha tradito la volontà del Consiglio con grave danno per le casse comunali

“Tradita la volontà del Consiglio comunale e quindi anche quella del  popolo agrigentino. E’ un atto gravissimo”. Pasquale Spataro, del gruppo “Uniti per la Città”, stigmatizza il comportamento del sindaco e della giunta. “L’esecutivo, incurante, del voto di Aula Sollano  con il quale era stata data sostanza e forma istituzionale ad una mia mozione, che impegnava  l’Amministrazione attiva  a revocare la convenzione, rinnovata per altri 5 anni – afferma Spataro – ha proceduto ora a riaffidare la responsabilità della gestione delle aree di sosta di Porta V- Sant’Anna, di proprietà comunale, all’Ente Parco Archeologico della Valle dei Templi. Tant’è che è stato annunciato, attraverso i mass media, che entro fine mese si procederà all’assegnazione del servizio. Resto davvero basito e mortificato vedere come, per Firetto e per i suoi  assessori, i provvedimenti adottati dal Consiglio comunale siano semplice carta straccia. Anche in presenza di una relazione, presentata in Aula, dal comandante della polizia locale, il cui contenuto sulle passate gestioni non lascia certamente  tranquilli. E rilevo anche, con amarezza e delusione, il ruolo passivo dell’Ufficio di Presidenza che nulla fa per dare dignità politico-istituzionale all’Aula nella sua interezza. Non fa rispettare, per intenderci,  il lavoro prodotto dall’Assise cittadina che, nella fattispecie, si traduce in un notevole danno per le casse comunali e di conseguenza per le tasche degli agrigentini. Non è tollerabile – osserva ancora Spataro – che il Comune di Agrigento, per il solo fatto di delegare il compito dell’espletamento del bando di gara all’Ente Parco, perderà ogni anno qualcosa come 150 mila euro.  La giunta Firetto allora torni sui suoi  passi, dimostri senso di responsabilità,  e proceda urgentemente a fermare tutto. Prima che sia troppo tardi. Ci sono altre strade, più proficue e vantaggiose per Palazzo dei Giganti. Una può essere la gestione diretta  – spiega il consigliere di “Uniti per la Città” – cioè  il Comune potrà curare questi parcheggi, attraverso personale proprio, l’altra può essere quella di concedere il servizio a terzi, accollandosi  solamente l’ onere di esperire  il bando. Nel primo caso, le casse comunali evidentemente ne trarrebbero un beneficio maggiore, nella seconda ipotesi si recupererebbero almeno i 150 mila euro annui che, incredibilmente e inopportunamente, vengono indirizzati, con generosità, nel bilancio dell’Ente Parco, con grave pregiudizio del bilancio comunale, già in grave affanno”.

[kkstarratings][wp-rss-aggregator]

“SCAMPAGNATA DELLA LIBERAZIONE” Alla scoperta della Valle dei Templi (AG) con scampagnata al Giardino della Kolymbethra – Bene del FAI

In occasione della Festa della Liberazione, lunedì 25 aprile 2016 dalle ore 9,30 alle 18,30 il Giardino della Kolymbethra – Bene del FAI si trasforma nel magnifico teatro a cielo aperto del “Picnic della Liberazione”: una giornata per scoprire la bellezza della Valle di Templi di Agrigento e per festeggiare la primavera inoltrata con un ghiotto picnic acquistabile in loco. Un’occasione per trascorrere un giorno all’aria aperta, all’insegna della storia antica e della buona cucina, circondati dagli antichissimi alberi di agrumi e immersi nell’antica storia della Collina di Templi. I visitatori potranno passeggiare tra gli affascinanti templi, testimoni della Magna Grecia, lasciandosi trasportare nel passato dalla fioritura dell’antico agrumeto. Per gli appassionati di escursioni, inoltre, sarà possibile scoprire le antiche sorgenti di Akragas, ed esplorare uno degli Acquedotti Ipogei Feaci, guidati in sicurezza da esperti speleologi dell’Associazione Agrigento Sotterranea Onlus in uno straordinario viaggio nelle viscere della terra. Le visite guidate sono previste in due turni: tra le 9,30 e le 13,30 e tra le 15,00 e le 18,00.  Immersi in questa magica atmosfera si potrà pranzare al sacco in una piccola area attrezzata tra gli aranci oppure acquistare sul posto un cestino da picnic “rustico” pieno di prelibatezze della campagna agrigentina. Per il cestino da picnic e per il posto tavolo nell’area attrezzata la prenotazione è obbligatoria.

Il menu prevede:

Formaggio pecorino primosale ♦ Frittata con verdura di stagione ♦ Caponata di melanzane

Olive verdi cunzati ♦ Ricotta di pecora ♦ Pane casereccio

Cuddiruni cu i zarchi: pizza ripiena con patate, cipolla e bietola selvatica

Mbuliata: pane croccante con olive nere, pezzetti di salsiccia, olio e pepe nero

Agrumi ♦ Acqua minerale

Il calendario “Eventi nei beni del FAI 2016”, è reso possibile grazie al significativo sostegno di Ferrarelle, partner degli eventi istituzionali e acqua ufficiale del FAI, al prezioso contributo di PIRELLI che conferma per il quarto anno consecutivo la sua storica vicinanza alla Fondazione e Cedral Tassoni, azienda amica dal 2012 e importante marchio italiano che per il quinto anno ha deciso di abbinare la tradizione, la storia e la naturalità del suo prodotto al FAI.

Giorno: lunedì 25 aprile 2016

Orario: dalle ore 9,30 alle 18,30

Prezzi: Ingresso al Giardino della Kolymbethra con visite guidate: Adulti: 6 €; Ragazzi (4-14 anni) 2 €; Iscritti FAI: 4 €. Visita guidata degli Ipogei: 6 € (si consiglia la prenotazione). Prenotazione obbligatoria per il cestino picnic e per il posto tavolo nell’area attrezzata. Cestino rustico: 13 €; posto tavolo: 1 €.

Per maggiori informazioni sul FAI: www.fondoambiente.it

[wp-rss-aggregator]

 

Condannati due agrigentini per furto di rame 

Il Tribunale di Agrigento, al termine del giudizio abbreviato, ha condannato a 2 mesi e 15 giorni di carcere ciascuno Daniele Trameli, 29 anni di Porto Empedocle, e Pietro Lombardo, 23 anni di Naro. I due, difesi dagli avvocati Daniele Re e Fabio Inglima, sono imputati di avere rubato cavi in rame da un parco eolico, di proprietà della Moncada Energy, e sono stati arrestati dai carabinieri in flagranza di reato il 22 dicembre scorso. Il pubblico ministero per Trameli e Lombardo, aveva chiesto una condanna di 4 mesi di reclusione ciascuno.

[wp-rss-aggregator]

La processione serale del Venerdì Santo ad Agrigento

Tra le processioni del Venerdì santo, quella serale e’ sicuramente la piu’ suggestiva e la piu’ grande, e si snoda per le vie principali del centro storico di Agrigento. E’ organizzata dalla Arciconfraternità del Santissimo Crocifisso e dall’Arciconfraternità Maria Santissima Dei Sette Dolori. Anche ieri sera emozioni e sensazioni indescrivibili durante la celebrazione religiosa lungo tutta la via Atenea, per l’occasione stracolma di gente di ogni eta’ e in viaggio da altri centri della provincia. C’e’ anche l’arcivescovo di Agrigento, il cardinale Francesco Montenegro. Una processione caratteristica che si celebra sulla base di canti rituali, accompagnati dalle bande musicali e dalle due confraternite vestite con il caratteristico saio nero. La prima e’ l’Arciconfraternità del Santissimo Crocifisso che porta sulle spalle la splendida urna con all’interno la statua del Cristo morto. Il silenzio è interrotto dal bellissimo canto funebre “Ah si, versate lacrime!” che rappresenta una delle colonne sonore della Settimana Santa in Sicilia.Un fiume di gente in via Atenea. In corteo anche le forze dell’ordine a vigilare sull’ordine e la sicurezza. Tutto e’ filato per il verso giusto. In processione anche le autorità politiche cittadine, il sindaco Firetto e gli assessori della giunta comunale. Poi, a poca distanza il simulacro della Madonna Addolorata, accompagnata dai componenti dall’Arciconfraternità Maria Santissima Dei Sette Dolori. A piccoli passi le due statue e i fedeli hanno raggiunto Piazza Pirandello, dinanzi il municipio di Agrigento per ascoltare la riflessione dell’Arcivescovo Francesco Montenegro che ha pronunciato all’esterno della chiesa San Domenico. Tra i tanti temi affrontati dal pastore della chiesa agrigentina, anche quello della disoccupazione come  sinonimo di scippo della dignità umana. Parole forti ascoltate in religioso silenzio dalla folla di fedeli.

Editoria: no al taglio finanziamenti, intervento di Moscatt

Il deputato nazionale del Partito democratico, Tonino Moscatt, esprime soddisfazione sul respingimento, da parte della Camera dei Deputati, sull’abolizione del finanziamento pubblico all’editoria. Moscatt, che in commissione si e’ espresso contro il taglio proposto dal Movimento 5 Stelle, afferma: “Respingere la proposta é quello che auspicavo. Non pensavo ai grandi colossi editoriali, ma mi premeva salvaguardare piuttosto le piccole cooperative di giornalisti e le tv locali recentemente penalizzate sotto tanti aspetti. Per fortuna, la proposta di legge non è stata approvata, ed i quotidiani e quanto utile a garantire la pluralità d’informazione, possono evitare quel pericolo di chiusura che avrebbe creato anche un disagio sociale alle famiglie dei propri dipendenti. Sicuramente la materia in questione va migliorata riformandola, ma intanto, sicuramente, non si è ucciso un settore già fortemente in crisi”.

All’attacco dell’Amministrazione Firetto

Il consiglio comunale di Agrigento tornera’ a riunirsi martedì 13 ottobre, alle ore 18. La seduta, convocata dalla presidente Daniela Catalano, tratterà parecchi ordini del giorno. Si discutera’ del riconoscimento di numerosi debiti fuori bilancio, della presa d’atto dello squilibrio finanziario per l’anno 2015, della richiesta di cittadinanza onoraria al magistrato Nino Di Matteo, e dell’esame di una mozione per la riapertura dei bagni pubblici e di un ordine del giorno sulla gestione del servizio idrico. Nel frattempo, continua l’attivita’ dei consiglieri comunali, sia di maggioranza che d’opposizione, e non mancano gli attacchi all’ammistrazione Firetto. Angelo Vaccarello di Uniti per la città e Marco Vullo del Partito Democratico rilevano in negativo che nella giunta Firetto vi sarebbero assessori che hanno predicato tanto bene prima e durante la campagna elettorale, e che adesso razzolano male. Vaccarello e Vullo si riferiscono ad esponenti dell’ attuale Giunta che si sono più volte pubblicamente indignati contro, ad esempio, il caso delle 1.133 commissioni consiliari e relativi gettoni della precedente legislatura, che hanno predicato la rinuncia, con tanto di impegno solenne, a qualsiasi tipo di indennità, sottolineando che servire la città è una missione, e che adesso, invece, raggiunta la poltrona, incassano interamente tutto quanto gli spetta. E la missione, in soli 4 mesi, è costata circa 15mila euro ai cittadini contribuenti. Vaccarello e Vullo affermano dunque : “In omaggio alla coerenza, rinuncino davvero all’indennità”. Ed ancora il consigliere comunale di Agrigento, Salvatore Falzone, di Forza Italia, vice presidente della Commissione Affari Istituzionali, ha proposto all’amministrazione di attuare il cosiddetto “baratto amministrativo”, introdotto tramite il recente decreto “Sblocca Italia”, ed attuabile anche nelle Regioni a statuto speciale come la Sicilia. Si tratta di uno strumento che consente ai cittadini, morosi e bisognosi, di pagare tasse, multe, tributi come Tasi, Imu e Tari, e in generale i debiti con il fisco, con il proprio lavoro tramite il compimento di lavori socialmente utili per il Comune, come ad esempio il discerbamento, pulire strade, prestare opere di manutenzione e, in genere, riqualificare aree e beni immobili inutilizzati. E così i cittadini morosi hanno la possibilità di mettersi in regola con il pagamento dei tributi e tasse locali. Il capogruppo di Forza Italia al consiglio comunale di Agrigento, Giovanni Civilta’, interviene sul degrado a San Michele: “La campagna elettorale si è conclusa ormai da 5 mesi, il termine di propagazione delle roboanti promesse è già ampiamente scaduto : l’ assessore comunale all’ambiente di Agrigento, Domenico Fontana, si rimbocchi le maniche e inizi a lavorare, compiendo, ad esempio e tra tanto altro, un sopralluogo nel quartiere di San Michele”. Civilta’ aggiunge: “Il degrado e la non curanza che emergono nella frazione di San Michele, nei pressi dell’ ospedale, sono del tutto intollerabili. Ed è altrettanto intollerabile che in 5 mesi di amministrazione comunale, lautamente pagata dai cittadini contribuenti, nessun intervento sia stato quanto meno programmato” – conclude Civilita’. La consigliere comunale Marcella Carlisi del Movimento 5 Stelle rileva e denuncia che al Comune di Agrigento, su circa 600 dipendenti sono 95 le schede telefoniche sim a carico dei cittadini contribuenti. Un dipendente, o amministratore, su 6 ha il telefono pagato dai cittadini. La stessa Carlisi afferma : “Il Comune di Agrigento paga ogni 2 mesi per tutte le utenze di telefonia fissa (comprese scuole comunali e tribunale) una bolletta dai 35mila ai 50mila euro. Adesso scopriamo che le schede di telefonia mobile in uso sono un centinaio. Non sono troppe? Precisiamo che i Consiglieri comunali non ne usufruiscono. Il Movimento 5 Stelle Agrigento, attraverso la portavoce Marcella Carlisi, interroga l’amministrazione per sapere: nella disponibilità di chi sono tali schede telefoniche, chi le utilizza e a quale titolo”. Infine, il Consigliere comunale del Pdr, Salvatore Borsellino, Presidente della prima Commissione consiliare permanente, a seguito di numerose istanze da parte dei cittadini, ha presentato un’interrogazione all’Amministrazione comunale in riferimento alla mancanza d’acqua e alla mancata illuminazione delle lampade votive nel cimitero di Piano Gatta. Il consigliere Borsellino ha chiesto, pertanto, quali provvedimenti l’Amministrazione intende intraprendere affinché tali servizi siano ripristinati nel più breve tempo possibile.

“RIQUALIFICHIAMO VIA ATENEA” Il sindaco Lillo Firetto incontra una delegazione di commercianti del centro storico

Il sindaco di Agrigento,Lillo Firetto, ha incontrato una delegazione di commercianti del centro storico per ascoltare le loro idee e proposte al fine di rilanciare il progetto del Centro commerciale naturale e incentivare le iniziative atte e promuovere la fruizione da parte dei cittadini della storica via  Atenea, cuore pulsante della città dei templi.

La cronaca del 8 giugno 2015

Il comune di Canicatti’ ha completato il trasferimento dei beni confiscati al boss Calogero Di Caro, condannato in alcuni processi per associazione a delinquere di stampo mafioso. Si tratta di un imponente caseggiato in contrada Cuccavecchia ed un confinante uliveto di alcuni ettari abbandonato. Di Caro, tramite il suo legale, si è rivolto alla Cassazione per una ulteriore revisione ed attenuazione del decreto di confisca. Il caseggiato confiscato a Calogero Di Caro potrebbe ospitare la sede del “Consorzio agrigentino per la legalità e lo sviluppo” presieduto da Mariagrazia Brandara, commissario straordinario al comune di Licata.  E sempre a Canicatti’. in via Giardini, hanno subito un incendio 2 veicoli, un furgone Mercedes, di proprietà di G R, sono le iniziali del nome, 35 anni, romeno e residente a Canicattì, e poi, per propagazione delle fiamme, una Fiat 500 posteggiata a poca distanza, intestata ad un altro romeno, I M, di 28 anni. Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco e la Polizia che indaga.

Laura Boldrini ad Agrigento

Da ex portavoce dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, Laura Boldrini arriva oggi ad Agrigento ma questa volta nella veste di capolista alla Camera per Sinistra Ecologia e Libertà.

Un’occasione per presentare la sua candidatura e i punti centrali della proposta di Sel in questa competizione elettorale.

Ovviamente affronta anche l’argomento migranti, che per diversi anni l’ha impegnata, per cercare di cambiare totalmente la visione.

Sel corre in coalizione con il Pd. Un’alleanza basata sulla carta d’intenti. Un’eventuale alleanza con Monti, per la Boldrini, è fuori luogo la massimo dialogo per le grandi riforme.

Alla fine, la Boldrini ha anche avuto modo di vivere un momento di Sagra intrattenendosi brevemente con alcuni rappresentanti dei gruppi folk che sfilavano in via atenea.