Agrigento Attualità Cronaca

Taglio alberi villa Bonfiglio tra polemiche e necessità

Taglio alberi villa Bonfiglio tra polemiche e necessità
Rate this post

Da alcuni giorni una squadra di operai è impegnata nel costone a valle della Villa Bonfiglio per tagliare eucalipti, e altri alberi, presenti da decenni. L’intervento è stato predisposto dal Comune di Agrigento, ufficialmente per eliminare il pericolo di caduta rami sulla sottostante via Francesco Crispi, come già accaduto diverse volte in passato. Sulla questione si registra l’intervento del circolo Rabat di Legambiente Agrigento che, pur non contestando al Comune l’operazione in corso per quanto concerne la salvaguardia della pubblica incolumità, esprime comunque preoccupazione sia per le modalità che per la tempistica scelte per porre in essere quello che agli occhi degli ambientalisti appare come una “strage” indiscriminata di piante, alcune delle quali per nulla pericolose. “Alcuni pini – si legge nella nota – hanno subito evidenti danni alla corteccia, danni che, tra qualche tempo, potrebbero con alta probabilità decretarne la morte e quindi renderne necessaria la rimozione. La legna da ardere – sottolinea Legambiente – rappresenta certamente un buon affare economico per chi la detiene e la commercializza, ma gli alberi in salute sono un ottimo “affare” sociale per i territori che li ospitano e per le popolazioni che beneficiano della loro presenza”. Legambiente esprime preoccupazione anche per il rischio frane, conseguente la distruzione degli alberi. ” Chi ha programmato questa operazione – per Legambiente – non ha tenuto nel giusto conto questa eventualità, considerato che ci troviamo in una zona che ha già evidenziato una particolare fragilità”. Legambiente auspica che il comune possa, infine, adottare tutti gli interventi necessari per consentire agli alberi di ricrescere rigogliosi e minimizzare il rischio idrogeologico.