fbpx

Gestivano il traffico di immigrati clandestini con una base logistica a Palma di Montechiaro nell’agrigentino.

Nel corso della notte la polizia ha fatto irruzione in un casolare, nei pressi del castello medievale di Palma, trovandovi all’interno 150 immigrati appena sbarcati sulla terraferma con un’imbarcazione che li aveva da poco lasciati in spiaggia.

Finiti in manette 5 palmesi e due extracomunitari, che sarebbero coloro i quali gestivano il traffico utilizzando il casolare come punto di approdo e successivamente su due furgoni a piccoli gruppi gli immigrati venivano smistati in tutta la Penisola.

Il blitz e’ scattato grazie a un’intercettazione telefonica in cui due degli indagati parlavano dello sbarco che si sarebbe verificato da qui a poche ore.

Il casolare era tenuto d’occhio dai poliziotti da diversi giorni.

Il blitz ha permesso di bloccare un centinaio di immigrati, mentre un’altra trentina si e’ data alla fuga nelle campagna di Palma.

All’interno del casolare è scoppiata anche una sommossa che e’ stata sedata a fatica dai poliziotti. Un agente e’ stato ferito alla testa da un oggetto contundente ed è stato medicato al pronto soccorso dell’ospedale di Licata.

Secondo l’inchiesta della Procura ci sarebbero stati diversi altri sbarchi di clandestini sul litorale di Palma grazie alla base operativa creata sulla terraferma dal gruppo di italiani.