fbpx

Dopo varie polemiche e proteste anche sui social,  sono stati trasferiti in altre strutture gli oltre 120 immigrati ospiti dell’hotel di Tiziana, tra Porto Empedocle e Realmonte. “Tutelato il diritto alla salute” – ha commentato il sindaco Ida Carmina – . “La struttura appariva poco adatta al contenimento di tante persone non essendo presente neppure una recinzione a separarli dalle abitazioni, era difficile assicurare il distanziamento richiesto in questo periodo. In qualità di responsabile della Protezione civile e della salute pubblica ho fortemente rappresentato le mie perplessità rispetto alla scelta operata. Ho trovato conforto nella deputazione nazionale – ha spiegato Carmina – tanto che Filippo Perconti, Rosalba Cimino, Michele Sodano, Azzurra Cancelleri, Vita Martingiglio hanno presentato un’interrogazione parlamentare.  Nonostante la difficoltà del momento, le giuste criticità evidenziate hanno trovato udienza dal ministro degli Interni, Luciana Lamorgese. Già dopo pochi giorni, mi era stato assicurato sarebbero stati trasferiti – ha continuato il sindaco – . Abbiamo dovuto attendere i 14 giorni di isolamento”. “Comprendiamo che l’espansione dell’epidemia ed il dover affrontare in contemporanea l’emergenza sbarchi nell’immediato abbia indotto ad assumere una pronta e celere soluzione – ha commentato il sindaco di Porto Empedocle – . Siamo convinti che la problematica vada approfondita visto l’emergenza sanitaria in cui ci stiamo trovando e vadano trovate soluzioni che tutelino a pieno il diritto alla salute ed alla vita sia dei cittadini sia degli immigrati”.