fbpx

I finanzieri della Tenenza di Canicatti’, guidati dal tenente Francesco Auriemma durante le attivita’ di controllo del territorio, hanno effettuato il sequestro di circa 20 grammi di hashish” nonche’ di un “coltello” di genere vietato, denunciando due giovani all’Autorita’ giudiziaria. In questi ultimi mesi i finanzieri canicattinesi avevano incontrato tanti ragazzi – negli incontri sulla legalita’ tenuti in collaborazione con le scuole del territorio -, per affrontare e far conoscere il problema della droga, dei rischi connessi all’uso di questa, delle implicazione di natura sociale che ne derivano. con i magnifici esemplari di pastori tedeschi “macro” e “urlo”, avevano fatto delle similazioni operative, di ricerca dello stupefacente tra zainetti e borse degli studenti. insomma tanta informazione, per limitare sempre piu’ la repressione di questo dilagante pericolo giovanile. Diversamente purtroppo e’ andata ieri, dove proprio in via pirandello, una delle strade cittadine piu’ frequentate dai giovani, sono entarti in azione le unita’ cinofile, ma questa volta non per finta. una pattuglia operante ha fermato due giovani rispettivamente di anni 19 e 22, entrambi di origine canicattinese che, alla vista degli stessi finanzieri, assumevano un atteggiamento tale, da far insospettire i militari. sono stati quindi sottoposti a controllo e nel corso di tale operazione il cane antidroga del corpo ha segnalato l’occultamento sul corpo del 22 enne della suddetta sostanza stupefacente – pari a circa 20 grammi di hashish.Nell’ambito dello stesso controllo veniva rinvenuto nello zainetto del 19 enne, un coltello modello “stiletto” della lunghezza di 17 cm, il cui uso improprio avrebbe potuto arrecare danni a persone o cose. I due canicattinesi sono stati denunciati all’autorita’ giudiziaria agrigentina, rispettivamente uno per detenzione di sostanza stupefacente, mentre l’altro il piu’ giovane per porto abusivo di armi bianche proibite. Dall’attivita’ di servizio svolta, emerge ancora inconfutabile, come il problema della droga, sia presente in citta’. un problema che se affiancato anche ai continui atti di vandalismo e di bullismo – che vede protagonisti sempre i giovani -, risultano essere il campanello d’allarme per quanti a vario titolo sono chiamati a fornire – nella crescita dei giovani – sempre piu’ quel patrimonio di valori che chiamamo “legalita’ e rispetto per gli altri”.