Uil: ” il consorzio universitario deve essere l’anello di congiunzione per il rilancio economico

Il consorzio universitario di Agrigento verso il rilancio e chiama a raccolta le parti del territorio per un “rilancio” della provincia. Il presidende dell’università agrigentina, Pietro Busetta, lo ha detto chiaramente ieri in un incontro nella struttura di contreada Calcarelle: ” il consorzio universitario deve essere l’anello di congiunzione per il rilancio economico e per le forze sane della nostra provincia”. Una dichiarazione che trova consenso nella uil agrigentina. Il segretario provinciale del sindacato, Gero Acquisto

accetta la proposta di Busetta “di sederci a un tavolo- dice il sindacalista- in maniera costruttiva per affrontare e risolvere le problematiche e soprattutto far ripartire il territorio, perché è l’unico anticorpo per non leggere più dati sconfortanti sui Comuni della Provincia che, dalla crisi del 2008 ad oggi, hanno visto tornare prepotentemente l’emigrazione perché il territorio non offre nulla per rimanere nei paesi di residenza.” Ci fa piacere che oggi il Presidente del Cua – Busetta – abbia lanciato la proposta che vede l’Università agrigentina come punto di congiunzione e unione di tutte le forze sane del mondo economico e del lavoro e delle Istituzioni tutte, affinché si crei la giusta sinergia per mettere in campo iniziative di sviluppo che possano concretizzarsi in modelli vincenti.