Attualità Cronaca

Un Consorzio per gestire i beni confiscati alla mafia

Il Consorzio agrigentino per la legalità costituirà una cooperativa sociale per la gestione di beni immobili confiscati alla mafuia. Il concorso, cinque posti, che porterà alla costituzione della cooperative sociale prevede l’appartenenza ai profili professionali di agronomo, operaio qualificato, apicoltore, operaio agricolo comune ed educatore socioculturale. Le domande, redatte su apposito modello scaricabile sul sito del Comune di Favara dove il Consorzio ha sede legale. Tra i titoli preferenziali che saranno presi in considerazione, quello di familiare di vittima di mafia e criminalità organizzata; appartenenza alle categorie di lavoratori di cui alla legge 381/91; esperienze di volontariato nel settori dell’associazionismo, con particolare riferimento all’utilizzo di beni confiscati alla criminalità organizzata.