Uomo precipita da impalcatura e muore sul colpo

Un’ennesima vittima delle cosiddette “morti bianche” quella che, purtroppo, tristemente si registra oggi in Sicilia. Il fatto è accaduto, all’incirca alle ore 11, al Villaggio Mose’, frazione di  Agrigento, dove un operaio edile di 55 anni di Favara, Antonio Vitello, e’ deceduto a seguito di un incidente sul lavoro. Da quanto si e’ appreso il muratore, che lavorava per un’impresa edile di Favara, si trovava al quarto piano di una palazzina, dove erano in corso alcuni lavori di ristrutturazione quando, per cause ancora in corso di accertamento, e’ precipitato nel vuoto rovinando a terra. La caduta presumibilmente da almeno 20 metri di altezza e’ stata fatale per l’uomo che sarebbe morto sul colpo. A nulla e’ difatti servito l’intervento da parte dei sanitari del 118 che, una volta giunti sul luogo della sciagura, non hanno potuto fare altro che constatarne l’avvenuto decesso. Sul posto dell’incidente sono intervenuti anche gli agenti delle volanti della Questura di Agrigento, diretti da Tommaso Amato, a cui sono affidate le indagini per ricostruire le possibili cause che hanno portato alla tragedia: al vaglio degli inquirenti, ovviamente, vi saranno le condizioni del cantiere al rispetto delle norme sulla sicurezza nei posti di lavoro; ci sara’ da chiarire se Antonio Vitello avesse adottato tutte le precauzioni previste dalla legge. Oltre alla Polizia, sul posto sono intervenuti i Carabinieri, gli ispettori dell’ufficio provinciale del lavoro e i tecnici dell’Azienda sanitaria provinciale di Agrigento. Sul luogo dell’incidente anche il Pubblico Ministero Alessandra Russo. Sul corpo di Antonio Vitello sara’ effettuata l’autopsia.