Vertenza Favara Ovest. Il paradosso in una divertente parodia

 

Rimodulazione dei confini territoriali tra i comuni di Agrigento, Favara e Aragona, dopo una vertenza che si protrae da decine di anni, la soluzione sembra volgere al termine, il condizionale naturalmente è d’obbligo. A risentire maggiormente di questa problematica sono i circa 1500 abitanti della zona denominata “Favara Ovest” che in virtù dell’ultimo censimento della popolazione, sono diventati a tutti gli effetti cittadini di Agrigento. Abitanti in una zona servita dal Comune di Favara che però ricade nel territorio di Agrigento, una situazione paradossale. Basti pensare ad esempio al recente invio del Comune di Agrigento delle bollette TARI, tassa sui rifiuti che invece i gli abitanti di Favara Ovest, devono al Comune di Favara che si occupa del servizio dei rifiuti. Anche la satira, si è occupata del caso, lo ha fatto con una divertente parodia ideata dall’attore Giuseppe Crapanzano e diretta dal giovane Domenico Presti. Il set, è proprio la zona Favara Ovest, l’ambientazione è quella dei classici film western, “Alla conquista di “Favara Owest”è il titolo del divertente filmato che vede cowboy favaresi e agrigentini contendersi il territorio. Da segnalare come per la realizzazione della parodia, sono stati scelti attori non professionisti, anche abitanti di Favara Ovest, che quindi conoscono bene il problema. Risate a parte, in mattinata la nostra redazione ha sentito il vice Sindaco di Agrigento, Elisa Virone per capire a che punto è la storica vertenza. Secondo quanto riferitoci dal vice sindaco, la delibera unitaria sulla rimodulazione dei tre confini, che interessa ricordiamo i comuni di Agrigento, Favara e Aragona, è stata approvata dai rispettivi consigli comunali e pubblicata sugli albi pretori per le osservazioni al progetto di rettifica dei comuni. Allo stato attuale, al Comune di Favara, secondo quanto appreso, sarebbe giunta una osservazione la cui attenzione degli uffici competenti, starebbe rallentando l’iter. Subito dopo questa fase, ci ha detto l’assessore Virone, si dovranno inoltrare tutti gli incarti all’Ufficio Regionale Autonomie ed Enti Locali, che dovrà approvare il progetto di rimodulazione dei confini e successivamente formulare il quesito referendario unitario da sottoporre ai cittadini. Quindi l’ultima parola spetterà proprio agli abitanti che dovranno scegliere se ritornare ad essere favaresi o restare agrigentini, anche se in fondo, abitanti della città dei Templi, non lo sono mai stati.

 

[wp-rss-aggregator]