Violenza sessuale e maltrattamenti: al via processo a netturbino di Favara

Si è aperto questa mattina, davanti i giudici della seconda sezione penale del Tribunale di Agrigento, il dibattimento del processo a carico di un netturbino favarese di 52 anni, accusato di aver violentato la figlia. Sul banco degli imputati, insieme a lui, anche tre parenti accusati di favoreggiamento per aver coperto le presunte violenze sessuali. 

Il sostituto procuratore Alessandra Russo, che rappresenta l’accusa in aula, ha chiesto e ottenuto la trascrizione delle intercettazioni effettuate sull’intero nucleo familiare. L’avvocato Valentina Fiorelli, che rappresenta gli interessi della ragazza vittima di abusi, ha chiesto di costituirsi parte civile anche nei confronti del resto degli imputati. La vicenda scaturisce dalle denunce della figlia che sarebbe stata vittima delle “attenzioni” del padre, un netturbino favarese.