Vivibilità ambientale, penultimo posto per Agrigento

Nuovo triste primato per Agrigento. La citta’ della Valle dei Templi e del premio nobel per la Letteratura, il drammaturgo, Luigi Pirandello, e’ penultima in classifica in Italia per la vivibilita’ ambientale. E’ quanto risulta dalla 22esima edizione di Ecosistema Urbano, la ricerca di Legambiente, compiuta in collaborazione con l’Istituto di ricerche Ambiente Italia e con Il Sole 24 ore, sulla vivibilità ambientale dei capoluoghi di provincia italiani. Agrigento occupa il 103esimo posto. Messina e’ la peggiore citta’ italiana. Le ultime 5 sono tutte citta’ del meridione, tre grandi e due piccole: la calabrese Vibo Valentia e le siciliane Catania, Palermo, Agrigento e Messina. Nel complesso i protagonisti delle performance migliori sono i piccoli capoluoghi tutti al di sotto degli 80mila abitanti, Verbania, Belluno, Macerata, Oristano, Sondrio, Mantova, Pordenone, oppure le solite Trento e Bolzano, che sono centri di medie dimensioni con abitanti compresi da tra 80mila e 200mila, e poi soltanto una grande citta’: Venezia. In testa c’e’ prevalentemente il nord del Paese.