I poliziotti della Squadra Mobile di Agrigento, guidati dal dirigente Giovanni Minardi, hanno eseguito il fermo di polizia giudiziaria, disposto dal procuratore capo Luigi Patronaggio, a carico di di S.S.M., 39 anni, di nazionalità egiziana, in quando gravemente indiziato di essere lo scafista che il 25 gennaio scorso ha guidato l’imbarcazione con 287 cittadini extracomunitari nelle acque di Lampedusa, provocando la morte per ipotermia di sette cittadini bengalesi.

L’ indagato dovrà rispondere dei reati di favoreggiamento della immigrazione clandestina e di omicidio colposo plurimo. L’egiziani era già stato indagato per favoreggiamento della immigrazione clandestina, e il barcone da lui condotto era composto da cittadini di varie etnie con prevalenza di cittadini bengalesi. Secondo le prime ricostruzioni, l’imbarcazione era partita dalle coste libiche ed era stata affidata a professionisti egiziani.